AiNTS | Associazione italiana Non-Technical Skill
WEBINAR

AiNTS | Associazione Italiana Non-Technical Skill

Primo ciclo webinar 2024

L’ISCRIZIONE AI WEBINAR è GRATUITA

Chi si iscrive riceverà il link per partecipare poco prima dell’inizio del webinar

1° webinar

TERMINATO
Martedì 27 Febbraio 2024
Competenze non tecniche e accordo stato regioni

RELATORE: Attilio Pagano, socio fondatore e già presidente AiNTS
DISCUSSANT: Fabrizio Bracco, professore associato Università di Genova

Il decreto legislativo 81/08 stabilisce i ruoli e le responsabilità del preposto, delineando una serie di compiti che vanno oltre le competenze tecniche specifiche del lavoro; ad esempio questi includono la capacità di identificare potenziali situazioni pericolose, di vigilare sull’attività e di intervenire in caso di pericolo. Nonostante molti compiti del preposto siano descritti in termini non esclusivamente tecnici, le normative vigenti sulla formazione in materia di sicurezza, come l’Accordo stato-regioni, non trattano in modo dettagliato gli aspetti non tecnici di questa figura.
La futura pubblicazione di un nuovo Accordo porta a riflettere sulle esigenze delle aziende in materia di competenze non tecniche. C’è bisogno di linee guida per costruire programmi formativi che affrontino le competenze trasversali utili per svolgere i propri compiti di preposto? È possibile integrare le competenze non tecniche nei programmi formativi esistenti o sono necessari programmi formativi ad hoc?

2° webinar

TERMINATO
Mercoledì 20 Marzo 2024
Allenare le NTS: la relazione tra sport e lavoro nella produzione del comportamento situato

RELATORE: Gabriele Torcianti, dottore in scienze motorie
DISCUSSANT: Federico Ricci, presidente AiNTS

La sicurezza all’interno delle organizzazioni è anche legata alle scelte quotidiane di ciascun individuo in merito alla propria salute, tra cui l’adozione di uno stile di vita salutare che includa l’esercizio fisico. La creazione di un ambiente lavorativo più sicuro dipende quindi anche dalla capacità di ogni persona di prendersi cura di se stessa. Questa visione mette in luce la responsabilità personale nella sicurezza delle organizzazioni. Attraverso la consapevolezza e l’integrazione di stili di vita salutari nella routine quotidiana, si promuove una cultura della sicurezza che va al di là del mero rispetto delle normative, contribuendo alla resilienza organizzativa.

3° webinar

TERMINATO
Lunedì 22 Aprile 2024
Aggressioni e violenza nei luoghi di lavoro

RELATORE: Marco Broccoli, segretario AiNTS
DISCUSSANT: Valentina Tolaini, consigliera AiNTS

L’approccio tecnico-normativo alla sicurezza spesso limita la comprensione delle aggressioni e della violenza nei contesti lavorativi a una prospettiva meramente burocratica. La soluzione a queste criticità è spesso cercata attraverso la formulazione di normative specifiche per mitigare il fenomeno. La violenza può manifestarsi in diverse forme: conflitti fra colleghi, aggressioni da parte degli utenti nei confronti dei professionisti e, viceversa, violenza da parte dei lavoratori verso gli utenti.
La gestione della violenza nelle organizzazioni richiede un approccio ispirato alla complessità, in grado di abbracciare le diverse sfaccettature del fenomeno, inclusa la capacità di riconoscere segnali precoci prima che si traducano in atti di aggressione. Questi aspetti si collegano alla necessità per coloro che fanno parte dell’organizzazione, come lavoratori, preposti, RLS, ecc., di sviluppare competenze specifiche per affrontare questioni come lo stress, spesso collegato a pressioni lavorative e dinamiche organizzative. La consapevolezza e la gestione attiva di tali aspetti possono contribuire alla creazione di un ambiente organizzativo più sicuro e al benessere di tutti gli attori coinvolti.

4° webinar

TERMINATO
Giovedì 30 Maggio 2024
Infortuni stradali lavoro-correlati

RELATORE: Michele Montresor, Tecnico della Prevenzione presso ATS Val Padana
DISCUSSANT: Emanuela Turrà, tesoriere AiNTS

La sicurezza stradale viene spesso affrontata dal punto di vista dell’attività e responsabilità del singolo, principalmente perché molte persone conducono veicoli per motivi personali o per raggiungere il luogo di lavoro. Tuttavia, gran parte degli infortuni mortali sul lavoro accade mentre si lavora alla guida di mezzi stradali; questi sono spesso legati a pressioni organizzative che possono indurre l’individuo a guidare in maniera meno sicura. Dunque, il comportamento alla guida varia se è eseguito per lavoro o per altre ragioni. Questo porta a riflettere su come le azioni del singolo siano intrinsecamente legate al contesto organizzativo, aprendo dunque interrogativi su quali strategie aziendali utilizzare per limitare il rischio sulla strada.